“Diario di un perdente di successo” di Dario Mondini, recensione

 

Recensione

Questo libro è la prova che, ciascuno di noi, ha una vita interessante che, raccontata, intratterrebbe tranquillamente un pubblico di ascoltatori.

Dario ci racconta la sua storia, dall’infanzia al giorno d’oggi. Nelle pagine si susseguono gli episodi più disparati che riguardano amori, amicizie, viaggi, lavoro… insomma, tutto quello che caratterizza la vita di tutti noi.

La personalità di Dario traspare dalle righe del suo libro e ci appare come una persona gentile e piena di energia che, nonostante qualche mal capitato evento,  ha sempre la forza di sorridere. Una vita passata tra partite da ping pong e ricerche dell’amore vero.

Amori iniziati e finiti hanno lasciato un segno indelebile nel cuore di Dario che, comunque, continua la sua ricerca per poter avere una vita di coppia felice.

Il disagio dovuto al non riuscire ad avere una relazione duratura nel tempo si percepisce dalla prima all’ultima pagina, e viene colmato con i rapporti di amicizia.

La passione del ping pong è proprio forte, si intuisce dall’entusiasmo con cui Dario racconta le partite, tra le sconfitte e le vittorie.

Il libro sembra spesso un elogio alle persone che hanno fatto parte della vita di Dario: l’autore, infatti, nomina tantissime persone, anche solo di sfuggita, nonostante siano persone più che marginali all’interno della storia. Sembra quasi che l’autore voglia ricordarle tutte, inserendole nel suo romanzo.

Il libro è scritto con un italiano molto semplice. E’ stata una lettura molto leggera che, in questo periodo così pesante, mi ha giovato.

Sfogliando le pagine si sono susseguite in me emozioni di tristezza, divertimento e comprensione. Essendo una persona molto empatica, è stato bellissimo leggere l’autobiografia di una persona “comune” e potersi immedesimare in lui.

“Diario di un perdente di successo” ci fa anche riflettere sulla nostra vita. Leggendo le sue sfortune ed i suoi successi, passano nella nostra mente anche i nostri, ed inconsciamente creiamo relazioni tra la nostra vita e la sua, con similitudini e differenze, che ce lo fan apprezzare ulteriormente.

Ringrazio tanto l’autore per l’opportunità che mi ha dato di poterlo conoscere meglio.

 

Precedente "Ragioni per continuare a vivere" di Matt Haig, recensione Successivo "Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde" di Robert Louis Stevenson, recensione

Un commento su ““Diario di un perdente di successo” di Dario Mondini, recensione

  1. Dario il said:

    Grazie mille per questa commovente recensione: hai colto magistralmente l’essenza del messaggio che volevo trasmettere. L’autore📖

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.